ONDA D’URTO  nasce nel 2009 come movimento spontaneo in ambito regionale ad iniziativa di alcuni gruppi di bikers dediti maggiormente all’ escursionismo, con l’obiettivo principale di far conoscere le innumerevoli meraviglie della Calabria, in primis… Ai calabresi!

Nell’inverno di quell’anno, tali gruppi, consapevoli dei limiti derivanti dal proporre annualmente iniziative locali e ad essi direttamente riconducibili, operando generalmente in maniera stagna e disarticolata nei rispettivi comprensori di appartenenza, maturano il proposito di pianificare un calendario annuale di raduni itineranti in mountain bike, da tenersi presso note località regionali, selezionate sulla base di criteri di pregio ed alto interesse naturalistico, ambientale, storico, archeologico, nonché enogastronomico.

Una originale forma di consorzio su base territoriale e a carattere sportivo culturale, finalmente germogliato tra appassionati corregionali fortemente legati alla propria terra ed alla millenaria cultura che essa esprime, che si avvalgono della comune passione per la disciplina del mountain bike, decidendo di esprimere e testimoniarne con sano entusiasmo la piena appartenenza, presentando ovunque e senza remore il secolare ed immutabile identikit etnico-culturale.

I bikers calabresi promotori si accordano così di distribuire in tutta la Calabria, a tappeto, i diversi eventi in maniera geograficamente bilanciata, affidandosi ad un coordinatore che si occupi di stilare anche un protocollo di base, e impegnandosi ad osservare negli anni un principio di turnazione ed avvicendamento nell’assegnazione delle tappe previste in calendario, senza essere mai ripetitivi, nei limiti del possibile!

Con tale semplice ed efficacissima formula e grazie a modalità di partecipazione del tutto popolari, finalizzate alla massima aggregazione, ONDA D’URTO registra sorprendentemente un continuo ed entusiasmante incremento di partecipazione, con l’adesione di sempre nuove associazioni e gruppi – se ne contano ad oggi ormai oltre sessanta – suscitando altresì la curiosità e l’interesse non solo degli appassionati all’escursionismo in bici, ma anche la condivisione e l’apprezzamento da parte di associazioni, enti, istituzioni e media regionali.

Alla quarta edizione ( 2012 ) si registra per la prima volta la copertura di tutte le province calabresi e lo “sconfinamento” in Basilicata.

La quinta edizione, ovvero il calendario 2013, prevede finanche due “sbarchi in Sicilia”.

In chiusura del nono anno (2017), ultimo nella forma di movimento spontaneo, i bikers calabresi di ONDA D’URTO hanno potuto visitare, conoscere ed apprezzare, oltre ottanta località calabresi e la rinomata sede turistica di Maratea, la città e i promontori di Messina e l’isola di Salina, nell’arcipelago delle Eolie!

Nel 2018, preso atto della inarrestabile crescita di partecipanti, si decide di archiviare la forma del movimento spontaneo, ormai non più adeguata, dando vita ad una associazione di promozione sociale: APS ONDA D’URTO, ritenuta indispensabile per una regolare programmazione e una corretta gestione delle dinamiche interne e dei gruppi aderenti, ma anche idonea ad interloquire con enti e istituzioni esterne, pubbliche e private.

Un impensabile e autentico bagaglio culturale ed identitario che ha prodotto ad oggi una formidabile e solida rete di conoscenze! Il tutto, ottenuto mediante l’utilizzo condiviso di un semplicissimo strumento di sport e svago qual è la MTB!

E la favola continua…